Il Covid-19 ha costretto innumerevoli aziende a riorganizzarsi ad un ritmo accelerato. Cosa possono fare i leader per aumentare le loro possibilità di successo? Indipendentemente dal fatto che una riorganizzazione sia motivata dal taglio dei costi o dalla crescita, riportiamo sette punti chiave che le aziende possono usare per massimizzare le proprie possibilità e ottenere il risultato previsto nel tempo pianificato, riducendo al minimo le interruzioni.

1. Muoviti rapidamente, ma sempre con un piano.

Se una riorganizzazione guidata dalla crisi richiede più di 6 mesi, è molto probabile che fallisca. Dopotutto, più tempo ci vorrà, più è probabile che il contesto aziendale sia cambiato, rendendo il nuovo modello irrilevante. Ovviamente, muoversi rapidamente non significa andare avanti senza un piano.

2. Analizza le tue risorse di capitale umano.

La stragrande maggioranza delle capacità di analisi del capitale umano delle aziende non sono così sostanziali come la loro analisi finanziaria, il che le porta a sacrificare la velocità o il rigore della loro riorganizzazione. Alcune aziende tentano di confrontare i propri obiettivi di risparmio sui costi. Ciò richiede in genere molto tempo e si traduce in confronti meno affidabili, poiché i leader non sanno se le differenze sono determinate da un contesto diverso, dal livello di automazione, dal livello di outsourcing o semplicemente da prestazioni peggiori. Inoltre, questo tipo di analisi è essenzialmente retrospettivo, quindi qualsiasi conclusione che ne trae potrebbe non essere più pertinente.

3. Stabilire obiettivi differenziati e valutare la possibilità d’investimenti mirati.

Risparmiare il 20-30% su tutta la linea non è sempre la risposta giusta: forse alcune unità organizzative dovrebbero essere ridotte del 50%, 80% o addirittura del 100%, mentre altre potrebbero richiedere investimenti mirati. Le aziende che sono in grado di reinvestire una parte dei loro risparmi sui costi nello sviluppo delle proprie capacità interne hanno molte più probabilità di avere successo, anche se questo significa tagliare i costi altrove per poterselo permettere.

4. Coinvolgi il tuo intero gruppo dirigente.

Il modo in cui decidi il cambiamento organizzativo è davvero importante, a volte anche più della decisione effettiva. Le riorganizzazioni di maggior successo coinvolgono l’intero team di leadership nel processo decisionale, spesso anche con alcuni input del personale. Questo è dovuto al fatto che l’intero del team dirigente si dovrà supportare l’esecuzione del piano, quindi tutti devono essere coinvolti in esso.

5. Consentire una certa flessibilità nell’implementazione del nuovo modello organizzativo.

Nel 50% dei casi, le riorganizzazioni guidate da crisi non vengono eseguite con una pianificazione perché i leader resistono a una soluzione centralizzata. Le aziende che consentono ai leader una certa flessibilità nel decidere come implementare i cambiamenti – idealmente sulla base di una solida logica di business – hanno molte più probabilità di avere successo.

6. Comunicare i cambiamenti il ​​più rapidamente – e umanamente – possibile.

Nelle riorganizzazioni quotidiane, la comunicazione faccia a faccia ha una correlazione molto maggiore con il successo rispetto alla comunicazione via e-mail. Tuttavia, nelle riorganizzazioni guidate dalla crisi, è molto più probabile che la comunicazione elettronica sia correlata al successo, probabilmente perché in una situazione in rapida evoluzione, i dipendenti preferirebbero ricevere le notizie rapidamente piuttosto che rimanere all’oscuro. Un approccio migliore consiste nel dire a tutti i dipendenti cosa sta succedendo e perché, quindi chiedere a manager o personale delle risorse umane che conoscono le persone interessate di parlare direttamente con loro (il tutto può essere fatto virtualmente). Anche quando i cambiamenti avvengono rapidamente, i dipendenti devono capire perché, quando e come avverranno.

7. Creare un ciclo di feedback positivo.

“Non è realistico aspettarsi che la nuova organizzazione funzioni perfettamente sin dall’inizio. Devi conviverci e correggerla rapidamente quando trovi problemi” dice Nancy McKinstry di Wolters Kluwer (valutata da HBR come la donna CEO con le migliori prestazioni del 2019). Le riorganizzazioni guidate da crisi che hanno meccanismi formali per il feedback (come i sondaggi) hanno molte più probabilità di avere successo, mentre le riorganizzazioni senza processi chiari per l’escalation dei problemi sono più probabili fallire.

https://hbr.org/2020/08/7-strategies-for-leading-a-crisis-driven-reorg